Carrello  

Nessun prodotto

0,00 € Spedizione
0,00 € Totale

Carrello Acquista

Newsletter

Area Rivenditori
Yopto

Amaro Liquore

Amaro Liquore

Amaro Liquore

Se teniamo conto della classica definizione, l'amaro liquore è considerato, a tutti gli effetti, una bevanda alcolica dal gusto piuttosto amaro, che viene ottenuto impiegando varie droghe vegetali. L'amaro liquore è molto usato e apprezzato soprattutto per via delle sue molteplici proprietà digestive oppure anche come aperitivo in grado di aumentare la secrezione gastrica e di conseguenza, stuzzicare l'appetito.

Ogni amaro viene prodotto secondo antichissime e segretissime ricette, spesso tramandate di generazione in generazione e quasi mai rese note ai consumatori. L' amaro può essere ottenuto sia direttamente mediante distillazione, macerazione o aggiunta di aromi e sia mediante miscelazione di una bevanda spiritosa con un'altra bevanda, con alcol etilico di origine agricola o con taluni altri distillati.

Terminare un lauto pasto con un buon amaro liquore è un'usanza molto diffusa in tutta Italia, infatti non c’è famiglia che non ne detenga almeno una bottiglia in casa propria. Allo stesso tempo, bere un buon amaro liquore è un ottimo modo proprio per iniziare un pasto o più semplicemente, per brindare ad un qualche successo personale, magari in compagnia, perché da sempre, l'amaro liquore è uno dei prodotti italiani più diffusi e più longevi, che rappresentano al meglio tutto lo spirito italiano. 

L’amaro liquore è infatti la bibita alcoolica per eccellenza, che è entrata anche a far parte dell'immaginario collettivo italiano, in quanto, presenzia da sempre le nostre vite e specialmente i momenti più importanti. Qualsiasi buon amaro liquore che si rispetti, ha alle spalle secoli e secoli di storia e di antiche tradizioni, che spesso affonda le proprie radici in un periodo quasi arcaico. Non a caso, tutte le ricerche effettuate in merito, attestano la sua nascita in seguito alle tecniche alchemiche portate dagli Arabi ma successivamente, diventa un prodotto fondamentale dell’arte fitoterapeutica dei monaci e dei farmacisti e solo a metà dell’Ottocento, si conquista la presenza nei salotti aristocratici e nei caffè. 

Bevuto secco o ghiacciato, l’amaro liquore continua a essere un prodotto amatissimo a casa propria e nei banconi dei bar, sia come pre-dinner e sia come after-dinner, inoltre ultimamente moltissimi amaro liquore vengono usati anche nella preparazione di numerosi cocktail e long drink. Personalmente, suggeriamo di consumare sempre, l'amaro liquore, rigorosamente in un bicchiere apposito e ben ghiacciato, accompagnato giusto da una spruzzatina di seltz e da una scorzetta di limone o di arancia, per cogliere meglio tutto il suo profumo inebriante e il suo sapore avvolgente.

Liquore digestivo

In commercio esistono tantissimi liquore digestivo, ognuno di essi noto per il suo particolare gusto e per le sue proprietà organolettiche. In generale, il mondo dei liquori digestivi, vanta un’infinità di prodotti, più o meno conosciuti, che sanno come racchiudere degnamente tutta la loro valenza storica e culturale e allo stesso tempo, sanno come allietare magari la fine di un pasto o come suggellare un piacevole momento in compagnia, brindando magari a qualche successo personale o semplicemente, per accompagnare un dolce o un dessert.

Allo stesso tempo, esistono tante liste, classifiche e tante graduatorie che vengono stilate continuamente e che in qualche modo, cercano di suggellare e di determinare, una volta per tutte, quale sia il miglior liquore digestivo. In realtà, risulta davvero difficile scegliere poiché ogni liquore digestivo possiede le proprie caratteristiche che lo rendono unico e diverso da tutti gli altri. Pertanto scegliere è praticamente impossibile, poiché ogni consumatore di liquori digestivi, effettuerà una propria scelta, inseguendo e tenendo conto del proprio gusto personale e della propria preferenza verso un determinato prodotto, rispetto ad un altro. 

Come abbiamo già ampiamente potuto vedere, ogni il liquore digestivo è una bevanda molto alcolica, ottenuta dall’estrazione di varie e diverse piante vegetali che ne conferiscono il gusto, il profumo e il colore. Chiaramente, se ci troviamo dinanzi ad un liquore digestivo con un tasso alcolico piuttosto alto, è preferibile consumarlo sempre dopo un buon pasto, in questo modo si favorisce infatti la secrezione dei succhi gastrici e di conseguenza, vengono aumentati tutti i processi digestivi. consumato dopo i pasti come digestivo. 

In parole povere, un liquore digestivo è ottenuto mediante l'infusione di diverse tipologie di erbe in alcool. Nello specifico, vengono utilizzate piante o radici come achillea moscata, semi di anice, menta piperita, bacche di ginepro, genziana, assenzio, rabarbaro e spezie quali cannella, zafferano, chiodi di garofano oppure cortecce o bucce di agrumi. Il tutto viene finemente triturato e messo a macerare in una soluzione alcoolica o idroalcoolica per estrarre le varie essenze, successivamente viene filtrato, e infine viene mescolato con il caramello. Il segreto che caratterizza ogni ricetta del liquore digestivo, sta proprio nel tempo di macerazione dei vari ingredienti.

Attualmente, ogni regione italiana possiede il proprio liquore digestivo tipico, che viene prodotto in base alle erbe, alle piante e agli alberi che crescono spontaneamente nella zona. Tutto questo comporta la presenza di numerosissimi liquori digestivi, spesso poco noti o addirittura sconosciuti all'infuori della loro area di produzione.